Web design: PVconsulting
PORTOSALVO - PISCIOTTA Circolo Nautico Portosalvo "Girolamo Vitolo"
Home Novità Eventi Pagine Contatti

Eventi

(In ordine cronologico inverso)

XIII TRE TORRI

2 - 3 settembre 2017

TRE TORRI

XIII Edizione della Regata di Vela Latina

Regolamento di regata
Percorso
Modulo di iscrizione
Galleria fotografica


La tredicesima edizione della regata di vela latina Tra Torri ha visto la partecipazopne di quidici imbarcazioni provenienti non solo dala Campania, ma anche da altre regioni.
Il tempo poco favorevole ha consentito di svolgere solo la prova di sabato 2 settembre, quando si è avuto sole e un bel vento di scirocco intorno ai dieci nodi. Solo alla fine della prova il cielo si è incupito per l'approssimarsi del temporale, che comunque ha lasciato il tempo agli equipaggi di gustare la tradizionale "fresella" innaffiata di buon vino rosso. Domenica 3 settembre, invece, pur con un bel sole, il vento e il mare di libeccio hanno impedito lo svolgimento dell seconda prova e la premiazione è stata anticipata in mattinata.
Il Circolo Nautico Portosalvo "Girolamo Vitolo" rinrazia tutti i partecipanti ed in particolare la UISP (Unione Italiana Sport per tutti) ed il suo referente Mimmo Maiorino per il contributo ed il lavoro svolto, determinanti per la buona riuscita della manifestazione.

Il feudo di Pisciotta tra i secoli XVII e XIX


venerdì 25 agosto 2017, ore 21,00

IL FEUDO DI PISCIOTTA
TRA I SECOLI XVII E XIX
Presentazione del libro di Massimo Iannone.

XII TRE TORRI

3 - 4 settembre 2016

TRE TORRI

XII Edizione della Regata di Vela Latina

Regolamento di regata
Percorso
Modulo di iscrizione

Foto della prima giornata, sabato 3 settembre 2016

XI TRE TORRI

5 - 6 settembre 2015

TRE TORRI

XI Edizione della Regata di Vela Latina.

Galleria fotografica

Il mistero della corazzata russa


giovedì 6 agosto 2015, ore 18,00

IL MISTERO DELLA CORAZZATA RUSSA
Fuoco, fango, sangue.
Presentazione del libro di Luca Ribustini.

Scarica la locandina

Il libro di Luca Ribustini si propone di far luce su un misterioso episodio avvenuto nel 1955, in piena guerra fredda. Nel porto di Sebastopoli in mar Nero la corazzata russa Novorossijsk, che altro non era che la nostra Giulio Cesare ceduta all’Unione Sovietica in riparazione danni di guerra, affondò misteriosamente nella notte fra il 28 e il 29 ottobre 1955. Il mistero sulle cause del disastro non è stato svelato, ma si ipotizza l'azione di reduci della X Flottiglia MAS, che vollero vendicare in qualche modo il mancato riconoscimento da parte dei vincitori del valoroso e onorevole comportamento della nostra Marina pur nella sconfitta.

TRE TORRI

2004 - 2014 E' classica.

6 - 7 settembre 2014

TRE TORRI

X Edizione della Regata di Vela Latina.

Bando di regata
Regolamento
Percorso
Modulo di iscrizione

Il Circuito Delle Sirene riparte a settembre con le regate di Pisciotta. poi, di seguito, due week end sportivi a Meta di Sorrento, con il Trofeo di S.Maria del Lauro, ed a Sorrento, dove si disputerà il leggendario Trofeo De Martino . Si ritorna nel Cilento dove Paolino Vitolo ci aspetta nella sua Palinuro a braccetto con Molpè, la leggendaria sirena di Palinuro. Ancora nel Cilento : SAPRI, con il trofeo della Spigolatrice ed infine, chiudiamo in penisola sorrentina , a Vico Equense, con il Trofeo delle Pleiadi. Vi aspettiamo !

Guglielmo Maraziti

Corso vela latina 2014

Corso di vela latina

Inizio 12 aprile 2014

Il corso si articola in quattro fini settimana con inizio sabato 12 aprile 2014.
La scelta di svolgere il corso di sabato e domenica, e comunque in giorni festivi, è dovuta al fatto che, pur essendo il corso stesso aperto a tutti, ci si aspetta la partecipazione soprattutto di giovani, che non possono essere ovviamente distolti dai loro obblighi scolastici e di studio....
Leggi tutto...

TRE TORRI

Per i venticinque anni del Circolo Nautico Portosalvo: 1988 - 2013

7 - 8 settembre 2013

TRE TORRI

IX Edizione della Regata di Vela Latina.

Bando di regata
Regolamento
Percorso
Modulo di iscrizione
Galleria fotografica I giornata 7 settembre 2013 (foto di Bruno Masula)
Galleria fotografica II giornata 8 settembre 2013 (foto di Bruno Masula)
Galleria fotografica 7 e 8 settembre 2013 (foto di Antonio Motta - su Facebook)

Il Circuito delle Sirene è ripartito alla grande, dopo la pausa estiva, che non ha cancellato dagli occhi la luce e le acque di Favignana, l'ultima regata di luglio, gemellata con il trofeo Lorenzo d'Amalfi.
Il rapporto di amicizia con gli armatori siciliani si sta facendo sempre più forte ed i desideri e le aspettative di crescita che ci accumunano fanno immaginare un roseo futuro per la vela latina italiana.
La sorniona Pisciotta, nei giorni 7 ed 8 settembre, ha ospitato due equipaggi siciliani: da Siracusa, i fratelli Ambrosio a bordo di Scilla, un bel gozzetto calabrese, e da Trapani, Tonino Sposito con il supersimpaticissimo Rosario, a bordo della lancia Rosio, fresca di restauro; i due equipaggi sono arrivati a Pisciotta con le loro famiglie, per visitare la nostra bella regione Campania, godendo dell'ospitalità degli amici pisciottani; per gli Ambrosio, l'avventura non finisce a Pisciotta, ma continuerà a Sorrento per partecipare al Trofeo De Martino, il 13/15 settembre; come dimenticare di ringraziare Benedetto Bianco e Stefano Menci che sono arrivati da Firenze con il loro bel Canapone.
I numeri? 16 imbarcazioni, 13 tra gozzetti, gozzi e barche e 3 lance, tra le quali Francesco, l'ultimo restauro di Giovanni Cammarano, che ha varato e vinto. Ma nel nostro Circuito vincono tutti: vince la località che ospita la tappa, perché gli organizzatori hanno la possibilità di offrire generosa ospitalità, che in Campania e nel sud Italia è sempre un valore forte, che invita a ritornare ; vince l'orgoglio campano, che si rinnova in ogni tappa grazie alle antiche vestigia del nostro territorio, ai grandi personaggi del passato che ci hanno indicato la strada dove far correre pensieri, sviluppare le armonie del territorio, vivere bene; vince il primo arrivato in regata, che ha saputo meglio percorrere la strada indicata dai nostri avi, che con la vela latina ci vivevano ; vince l'ultimo arrivato perchè si è goduto uno spettacolo fantastico, costituito dalla flotta con le nostre care vele latine.
A Pisciotta ha vinto anche Antonio Motta, fotografo di gran classe, che ci ha gentilmente fatto aprire le sale del palazzo marchesale di Pisciotta, che ospita una mostra delle sue belle fotografie e ci ha permesso di ammirare il centro storico di questo paese, illuminato come i più bei presepi napoletani.
Ha vinto il Circolo Nautico Portosalvo, che ha saputo così ben organizzare la IX tappa del Trofeo delle Tre Torri, grazie anche alla grande professionalità del Comitato di Regata costituito da F.Cefalo, A.Sollai e F.Landi. L’ultimo grazie, ma è il più importante e quindi non può essere l’ultimo, va alle nostre amiche e compagne di vita, che pazientemente ci sostengono e qualche volta ci sopportano.
Vi aspettiamo a Sorrento, per il Trofeo De Martino ed il Campionato del Mediterraneo (Aivel) (13/15 settembre)

Guglielmo Maraziti

Torneo amatoriale di burraco

Per i venticinque anni del Circolo Nautico Portosalvo: 1988 - 2013

7 - 14 - 21 agosto 2013 - ore 21

Torneo amatoriale di Burraco

Iscrizioni presso la sede del Circolo.

Presentazione libro

Per i venticinque anni del Circolo Nautico Portosalvo: 1988 - 2013

17 agosto 2013 - ore 21,30

Presentazione del libro "Mi ricordo di..."

di Antonio Piazza.

Prefazione al libro “Mi ricordo di…” di Antonio Piazza

“Mi ricordo di… “ è un libro di ricordi.
Questa affermazione, oltre che smaccatamente lapalissiana, è anche bugiarda. Sì, è vero, quando ci si accosta ad un libro con questo titolo, lo si fa con una certa aria di sufficienza, come se si fosse di fronte alle solite storie del passato, del tempo della gioventù, che tutti noi, superata una certa età, coltiviamo nel nostro cuore e affidiamo ad un cassetto o, per i più fortunati, alla stampa. E nascono poi quei libretti da distribuire agli amici e a quelli che in qualche modo hanno condiviso le nostre stesse esperienze e sono quindi in grado di apprezzarli.
L’opera di Antonio Piazza non è così: appartiene ad una categoria del tutto diversa e il lettore se ne accorge già dalle prime righe, anche se non è facile, almeno all’inizio, inquadrarla e classificarla.
Per prima cosa si nota che in “Mi ricordo di…” le cosiddette unità aristoteliche, di tempo di luogo e di azione, non sono assolutamente rispettate. Il lettore segue il racconto e improvvisamente viene trasportato in un tempo, in un luogo, in una dimensione diversa. E ne rimane stupito e affascinato, e non può più staccarsi dalla lettura. Poi il tessuto dei racconti appare sempre originale e coinvolgente, perché spesso i protagonisti non sono nemmeno le persone che si vogliono ricordare, ma piuttosto luoghi, oggetti inanimati o animali che identificano e trasfigurano a un tempo l’ambiente in cui si svolge la trama del ricordo. Valga per tutti come esempio quello dei “due fratelli”, protagonisti del primo episodio, personaggi fuori del tempo e dai ritmi della vita comune, che solo verso la fine del racconto sono riconosciuti come due scogli gemelli, un tempo ornamento della Marina di Pisciotta, oggi cancellati e sacrificati sull’altare del progresso. O ancora le storie fiabesche in cui i protagonisti non sono le ombre ed i fantasmi che popolano i luoghi, ma i luoghi stessi, che assistono imperturbabili da secoli al rinnovarsi di antiche storie di amore disperato o ai trascorsi bucolici incontri di un pastore con la sua pastorella.
E, passato il primo momento di sorpresa, il lettore si abitua al suntuoso sapore del vino del racconto, come quello che soggiogò il barbaro Odoacre, abituato alla birra della Selva Nera, che si incontrò con Romolo Augustolo, non sappiamo più se mille e cinquecento o solo cinquant’anni fa.
Ma basta! Mi rendo conto che è meglio che mi fermi: non voglio rovinare al lettore il gusto della scoperta di questo libro.
Una sola cosa vorrei però aggiungere. Come ho detto all’inizio, credevo che “Mi ricordo di…” fosse un libro di ricordi, poi, proseguendo nella lettura, ho pensato di essermi imbattuto in una fiaba o in un racconto mitico o in una storia fantastica.
Alla fine ho capito: questa è un’opera di poesia.

Paolino Vitolo

Cerano Film Festival

Per i venticinque anni del Circolo Nautico Portosalvo: 1988 - 2013

9 agosto 2013 - ore 21

Serata di proiezione dei cortometraggi vincitori del Cerano Film Festival 2013

Anna Veneroso, giurata del Festival, farà una breve introduzione.

A Casalvelino il 14 luglio 2013 prima Veleggiata del Circolo Velico

Leggi tutto...
«…Orbene io ti dirò, e tu ascolta accuratamente il discorso, quali sono le vie di ricerca che sole sono da pensare: l'una che "è" e che non è possibile che non sia, e questo è il sentiero della Persuasione (infatti segue la Verità);
l'altra che "non è" e che è necessario che non sia, e io ti dico che questo è un sentiero del tutto inaccessibile: infatti non potresti avere cognizione di ciò che non è (poiché non è possibile), né potresti esprimerlo.
…Infatti lo stesso è pensare ed essere. »

("un pensierino " di Parmenide, nato e vissuto ad Elea tra il 515 e 450 a.C.)

Casalvelino 14 luglio 2013: E'!

Leggi tutto...

A Pozzuoli l'11 e il 12 maggio 2013 vittoria del DonGiovanni

Leggi tutto...

A Sapri il 2 e il 9 febbraio 2013 Seminari Progetto Vela Scuola

Clic per ingrandire

La rivista culturale "IL CERCHIO" di Napoli recensisce il volume di "Capo Matapan"

Nel numero 84 della rivista politica e culturale "IL CERCHIO", edita a Napoli da Giulio Rolando, è stato recensito l'opuscolo del convegno "La battaglia di Capo Matapan. Una tragedia umana" tenutosi presso il nostro Circolo il giorno 11 agosto 2012.
Facendo clic sulle immagini qui sotto, è possibile scaricare la copertina de IL CERCHIO n.84 e la pagina relativa al convegno.
Per visitare il sito web de IL CERCHIO, fare clic sul seguente link: www.cerchionapoli.it

IL CERCHIO - copertina IL CERCHIO

Impostazione del gozzo a vela latina "Don Giovanni"

Nel giorno della fine del mondo dei Maya, il 21 dicembre 2012, il Circolo Nautico Portosalvo di Pisciotta dà una grande prova di ottimismo. Nel cantiere di Giovanni Cammarano, mastro d'ascia socio del Circolo, alla cui maestria si deve il recupero di innumerevoli imbarcazioni, si taglia la chiglia in azobé del gozzo a vela latina "Don Giovanni".
Segno evidente che il mondo non è finito (e di questo ci siamo già accorti) e non finirà, ma grazie al lavoro e all'entusiasmo di qualcuno, diventerà sempre più bello. Alla faccia della crisi.
Alla cerimonia erano presenti Giovanni, Giuseppe, Eugenio, Dino e Paolino.

Clic su una foto per ingrandirla
       

Regata Tre Torri 2012

Regata tra imbarcazioni a vela latina

Tre Torri - VIII edizione

1 - 2 settembre 2012

Programma

Sabato 1° settembre 2012

ore 10,00 Chiusura iscrizioni
ore 12,00 Partenza regata
ore 19,00 Intrattenimento musicale e cena a buffet nei locali del circolo

Domenica 2 settembre 2012

ore 12,00 Partenza regata
ore 19,00 Premiazione e brindisi di arrivederci

SIRENE, CILENTO, COSTIERA

Il Mito delle Sirene sembra sia comune a tutti i popoli del Mediterraneo, ma è di nostra esclusiva competenza, perché è incontrovertibile che le "allegre signorine" avessero casa in territorio di Massalubrense e precisamente nella località chiamata Deserto. Di notte occupavano quindi il loro nido, ma al sorgere del sole, con pochi battiti d'ali, esploravoano i golfi di Napoli e Salerno... qualcuna si spingeva anche nel sud Tirreno ed, avvistate le eventuali agognate prede, gorgheggiando, aspettavano gli incauti e malcapitati naviganti. Infatti accadde così anche quando avvistarono la nave di Odisseo, ma, quando quest'ultimo ed i suoi compagni ebbero superato indenni gli scogli delle Sirene - gli isolotti de Li Galli nella parte nord drl gilfo di Salerno - le Sirene, figure mitologiche con corpo di donna-uccello, si gettarono in mare per la disperazione, perché non erano riuscite a prendere l'eroe omerico ed annegharono. I loro corpi, trasportati dalla corrente, si dissolsero al contatto con il suolo, ma i popoli rifierasci le onoraronoerigendo un cenotafio.
Gli studiosi di mitologia individuano tre Sirene e cioè Partenope, Leucosia e Ligea; Partenope, manco a dirlo, fu onorata e venerata a Napoli, Leucosia a punta Licosa e Ligea in Calabria nei pressi di Nocera Terinese o comunque nella zona del golfo di Lamezia. Questi luoghi quindi divennero i siti ufficiali del culto delle Sirene e, per i motivi che dopo vedremo, erano tutti caratterizati da comuni caratteristiche topomorfiche e cioè un'altura, un isolotto o grosso scoglio a mare ed un fiume. Tali carrateristiche comuni indicavano che in quei luoghi erano insediati i primi agglomerati umani, perché l'altura era adatta all difesa, mentre lo scoglio serviva per l'approdo delle navi e il fiume era la fonte di rifornimento d'acqua e la via per l'interno. Erano insediamenti antichi e subivano ancora l'immanenza e l'influenza del mito. Il pensiero parmenideo non si era ancora sviluppatoe quindi la maitologia ancora non aveva dato spazio alla filosofia, cosicché queste aggregazioni umane subirono il fascino della drammatica fine delle sirene, dai corpi evanescenti ed effimeri, ed eressero ad esse cenotafi che, ancorché vuoti, costituirono oggetto di culto.
Sul mito selle sirene gli scrittori hanno versato fiumi di inchiostro, perché con il loro mito le figlie di Acheloo (dai molti aspetti - ingannatore), fiume greco, costiutiscono il segnale di inizio del pensiero umano (la necessità di esercitare un culto per una divinità, sia pure in un vuoto cenotafio). Oltre Partenope, Leucosia e Ligeia, qualche studioso tedesco individua una quarta sirean, Molpe, che in greco antico è scritta con la eta e la iota sottoscritta e cioè . La iota veniva inserita sotto la eta, cosicché, a detta degli studiosi, si sarebbe letta con un suono intermedio fra la e e la i. Naturalmente Molpe o Molfe si collocherebbe lì dove c'è la collina della Molpa di Palinuro fra il fiume Lambro e il fiume Mingardo.
Questo insediamento pre-greco di Molpa e poi greco unito alla leggenda di Camerota, località ai confini della Molpa, era sicuramente un insediamento pelasgico e probabilmente un emporio della costa, in epoca storica poi conquistato da Sibari, , cosicché corrisponderebbe all'ipotesi di un'origine mitologica aderente al mito delle Sirene. Fatto sta che Molpa è indicata come semidivinità (tali erano le sirene e le ninfe dei fiumi e dei mari).
Il sito di Molpa rimase abitato fino al VI secolo d.C., quando venne distrutto durante la guerra gotico-bizantina. Gli abitanti fuggirono, in parte nell'entroterra ed in parte per mare, ed è opinabile che quelli fuggiti per mare andssero a insedirsi in quel cul de sac del golfo di Slerno, dando vita ad Amalfi. Gli indizi che lasciano supporre che le cose siano andate così, come ritiene anche Matteo Camera, insigne studiosa amalfitano di storia patria, risiedono nel nome Molpe, o Molfe, con l'aggiunta di quella a iniziale, che molto spesso in greco diventa derivativa. Un secondo indizio scaturisce dall'oleografia che identifica da sempre, anche in monumenti amalfitani antichissimi, Amalfi come una sirena. Questa ricostruzione della nascita di Amalfi è la più attendibile, essendo assolutamente da escludere che abitanti di Melfi si fossero mossi dalla montagnosa Lucania per fondsre Amalfi sul mare. C'è di più: poiché si è anche ipotizzato che Pisciotta, a poche leghe da Molpa, fosse stata fondata da molpesi in fuga da Molpa distruttarisulterebbe così una comune progenitura tra Pisciotta e Amalfi. L'ipotesi è anche supportata dal fatto che a Pisciotta esiste nella toponomastica del paese ab immemorabilia una strada detta Vicolo di Praiano, che, com'è noto, è un ridente paesino pochissimo distante da Amalfi e quindi dominio di quella città. Se a ciò si aggiunge che nel vicolo di Praiano esistono i resti della prima chiesa di Pisciotta, la fantasia può sbizzarrirsi nel cercare storie e leggende che legano questa parte del cosiddetto Cilento (ma il Cilento è altro) alla costiera amalfitana e sorrentina, con la quale sono documentati traffici marittimi del XIII e XIV secolo.

Postfazione con nota semiseria dedicata ai regatanti del circuito delle Sirene

Le Sirene, simbolicamente, nella società matriarcale greca rappresentavano un "pericolo generico fisso" da far evitare in maniera assoluta ai mariti. Le allegra fanciulle prosperavano fintantoché gli uomini le foraggiavano. Odisseo, "lo qual dovea Penelope far lieta", e che ancora oggi molti individuano come modello negativo, rappresenta invece, pur con tutte le sue digressioni - Circe e Calipso - mandategli sulla strada dagli dei, un esempio di marito fedele. Oggi dei non ce ne sono più, ma le sirene invece sono diventate numerosissime; l'avviso ai naviganti quindi è d'obbligo: attenzione alle sirene nel corso della regata. Le donne di oggi non tessono e sfilano la tela, nell'attesa che il loro Odisseo "le faccia liete"; esse hanno letto Lorenzo de' Medici: "Chi vuol essere lieto sia, del doman non v'è certezza!"

Circuito Sirene

Circuito delle Sirene, la riscoperta della vela latina

Da "Il Mattino" Ed. Salerno - 28 marzo 2012 - Articolo di Giancarlo Frasca

Riscoprire ulteriormente le barche a vela latina, cioè quelle imbarcazioni che utilizzano, come in passato, un armamento, tra i più antichi del Mediterraneo, costituito da un albero in legno, alla cui estremità alta è fissata, grazie ad un sistema di carrucole e ad un'asta di legno detta antenna, una vela triangolare, detta appunto «latina»...

Leggi tutto...

Incrociatori

La battaglia di capo Matapan - Una tragedia umana

Convegno 11 agosto 2012 - ore 18

Sabato 11 agosto 2012, alle ore 18, si terrà presso il nostro Circolo a Marina di Pisciotta il convegno "La battaglia di capo Matapan - Una tragedia umana".
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso, fra l'isolotto di Gaudo e Capo Matapan, tra una squadra navale della Regia Marina italiana sotto il comando dell'ammiraglio di squadra Angelo Iachino, e la Mediterranean Fleet britannica (comprendente anche alcune unità australiane) dell'ammiraglio Andrew Cunningham fu combattuta la famosa battaglia di capo Matapan.
Leggi tutto...
Scarica l'opuscolo del convegno in formato PDF   Get Adobe Reader

Corazzata V.Veneto

Corso vela latina 2012

II edizione Corso di vela latina

17 marzo - 7 aprile 2012

Dopo la prima felice esperienza del dicembre 2010, il Circolo Nautico Portosalvo "Girolamo Vitolo" di Marina di Pisciotta organizza la seconda edizione del Corso di Vela Latina. Il successo della prima edizione sperimentale ha consigliato l'ampliamento del programma, che si articolerà in ben quattro fini settimana dalla metà di marzo fino a Pasqua 2012.
La scelta di svolgere il corso di sabato e domenica, e comunque in giorni festivi, è dovuta al fatto che, pur essendo il corso stesso aperto a tutti, ci si aspetta la partecipazione soprattutto di giovani, che non possono essere ovviamente distolti dai loro obblighi scolastici e di studio....
Leggi tutto...


Regata Tre Torri 2011

Regata tra imbarcazioni a vela latina

Tre Torri - VII edizione

3 - 4 settembre 2011, ore 11,00

I giovani no, ma chi, come me, ha passato il mezzo secolo serba certamente il ricordo di tante cose irrimediabilmente scomparse. Non avevo ancora cinque anni e vivevo a Napoli, a Mergellina per l'esattezza, dove del resto ero nato, e, quando mi svegliavo al mattino, sentivo nell'aria il profumo del mare. Nel vicolo sotto casa si sentiva ogni tanto il rumore rotolante di un carretto di fruttivendolo, trainato da un asino con gli zoccoli ferrati che scoppiettavano sul basolato di lava vulcanica. Non c'era né l'odore né il frastuono del traffico: al massimo si poteva sentire il gemito delle ruote di un tram che affrontava la stretta curva di piazza Sannazaro o il lontano malinconico canto di un pianino. Poi mammina mi portava al mare, sugli scogli all'inizio di Posillipo e là, dopo aver fatto il bagno, aspettavo che arrivassero i "barconi"...
Leggi tutto...

Come è ormai consolidata tradizione, nella prima fine settimana di settembre, si è svolta nelle acque di Marina di Pisciotta, sulla costiera cilentana, la settima edizione della Regata delle Tre Torri, riservata alle imbarcazioni a vela latina, organizzata dal Circolo Nautico Portosalvo “Girolamo Vitolo” di Marina di Pisciotta. L’evento, inserito nel circuito delle analoghe manifestazioni che si svolgono in tutto il Mediterraneo, rinnova ed esalta le tradizioni marinaresche del “Mare nostrum”.
Introdotta dagli arabi circa mille anni fa, la vela latina costituì una grande innovazione tecnologica, perché, a differenza delle antiche navi greche e romane che usavano delle vele quadre, permise, grazie alla sua forma triangolare,  di navigare contro vento (o, come si dice in termini marinareschi, di  risalire il vento). Non più usata come strumento di lavoro, la vela latina è diventata uno strumento di cultura e di tradizione.
La settima edizione della Regata delle Tre Torri ha visto la partecipazione di quattordici barche, provenienti da porti del Cilento e della Campania. La manifestazione si è articolata su due prove, la prima sabato 3 e la seconda domenica 4 settembre. In occasione della prima prova il vento di scirocco molto debole o addirittura assente ha costretto al ritiro ben dieci imbarcazioni, mentre invece la domenica lo scirocco ha soffiato anche a quindici nodi, regalando agli equipaggi l’emozione di una gara combattuta e veloce.
La classifica assoluta delle due giornata ha visto la vittoria della barca “Santarosa” del Circolo “Vela a tarchia” di Sorrento, brillantemente condotta dal comandante Giancarlo Antonetti e dal suo equipaggio.
La manifestazione si è conclusa nel pomeriggio di domenica, con la premiazione di tutte le imbarcazioni, ai cui armatori è stato offerto un piatto ricordo. I primi arrivati nelle quattro categorie barche, gozzi, lance e dinghy sono stati inoltre premiati con una targa. Al termine della premiazione gli equipaggi si sono congedati con la promessa di ritrovarsi tra un anno all’ottava edizione della Regata delle Tre Torri.


Regata Sapri

Regata di vele latine

27 agosto 2011

Circolo Nautico Sapri

Il Circolo Nautico Sapri ha organizzato la prima edizione della Regata per Vele Latine, che si è svolta sabato 27 agosto 2011 alle ore 12, su classico percorso a bastone nelle acque del golfo di Sapri. La regata ha visto tra l'altro una folta partecipazione di barche del Circolo Nautico Portosalvo di Pisciotta, trasferite via mare due giorni prima dell'evento.
Pur essendo alla prima esperienza, il Circolo Nautico Sapri è stato impeccabile nell'organizzazione dell'evento. Basti dire che è stato persino messo a disposizione un peschereccio per il pubblico che desiderasse assistere alla regata da vicino.

Galleria fotografica...


Per Alice

Presentazione libro

13 agosto 2011, ore 21,30

Franco Russo

Per... Alice

Storia delle storie di un angolo del Mediterraneo


Musica sotto le stelle

Concerto

6 agosto 2011, ore 22

Concerto di MUSICA SOTTO LE STELLE, con il chitarrista Vincenzo Frappola e la soprana Maria Sirignano.

Scarica il programma...


Conferenza

Conferenza

23 luglio 2011, ore 22

Lorella Starita, storica dell'arte, ha parlato de

Il mare nella pittura
Dagli affreschi pompeiani a Kiefer

.

Presentazione libro sulla marina

Presentazione libro

16 luglio 2011, ore 21,30

L'avv. Nello Tambasco presenta il libro di Massimo Alfano "La marina sabaudo-sarda - Dal Conte Rosso all'unità d'Italia"
L'autore sarà presente ed illustrerà la sua opera.


Torneo di bridge 2011

Torneo di bridge

8 - 9 - 10 luglio 2011

Il Circolo Nautico Portosalvo "Girolamo Vitolo" di Marina di Pisciotta organizza in collaborazione con la Scuola di Bridge "New Bridge Salerno" tre tornei di bridge nei giorni 8 9 e 10 luglio 2011.


<--- Clic sulla locandina per saperne di più.

Convegno sulla sicurezza in mare

Convegno sulla sicurezza in mare

18 giugno 2011

Il Circolo Nautico Portosalvo "Girolamo Vitolo" di Marina di Pisciotta organizza insieme con l'Armata del Mare (Forze di Polizia), nel giorno di sabato 18 giugno 2011 alle ore 17, un

CONVEGNO SULLA SICUREZZA IN MARE




<--- Clic sulla locandina per saperne di più.

Corso di vela latina

3 - 4 - 5 dicembre 2010

Corso di vela latinaIl Circolo Nautico Portosalvo "Girolamo Vitolo" di Marina di Pisciotta organizza insieme con l'Associazione "Dal mare ai monti" di Salerno, l'Associazione "La Vela" di Salerno e l'Associazione "Vela a Tarchia" di Sorrento, nei giorni di venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 dicembre 2010, un corso di istruzione sull'argomento:

Elementi di vela latina e armi tradizionali.

Il corso prevede sia sessioni didattiche in aula, sia percorsi pratici su apposite imbarcazioni nello specchio di mare antistante al porto di Marina di Pisciotta.


VI Edizione Regata di vela latina "Tre Torri"

3 - 4 - 5 settembre 2010
Regata Tre TorriIl Circolo Nautico Portosalvo "Girolamo Vitolo" di Marina di Pisciotta organizza anche quest'anno, nei giorni di venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 settembre 2010, la Regata delle Tre Torri, per imbarcazioni a vela latina, che giunge così alla VI edizione. Con l'occasione il Circolo, intendendo estendere l'area di interesse dell'evento ad un ambito regionale, si sta facendo promotore di un circuito campano di regate di vela latina, consistente in analoghe manifestazioni da svolgersi presso altri porti della regione. Allo scopo sono già stati presi contatti con gli omologhi circoli nautici di Salerno, Sorrento e Pozzuoli.

Leggi tutto...

Inaugurazione Personale di Pittura di Mario Modica, artista cilentano

Sabato 7 agosto 2010 ore 20,30

Modica

Dal 7 al 14 agosto 2010 dalle ore 21,00 alle ore 24,00 espone presso i locali del Circolo Nautico.


www.mariomodica.it

Presentazione del libro "Terroni" di Pino Aprile

Sabato 24 luglio 2010 ore 18,00
Terroni Fratelli d'Italia... ma sarà poi vero? Perché, nel momento in cui ci si prepara a festeggiare i 150 anni dall'Unità d'Italia, il conflitto tra Nord e Sud, fomentato da forze politiche che lo utilizzano spesso come una leva per catturare voti, pare aver superato il livello di guardia.

Leggi tutto...

Mostra di presepi

Natale 2009

Presepe napoletano del '700 Nel periodo Natale 2009 - capodanno 2010, i locali del circolo hanno ospitato una mostra di presepi.

Scegli quali presepi vuoi visitare:

Presepe napoletano
Presepi nel mondo


V edizione della regata di vela latina "Tre Torri"

5 settembre 2009
Regata Tre Torri La V edizione della regata di vela latina "Tre Torri" si è svolta su percorso a bastone nel tratto di mare antistante il porto di Marina di Pisciotta nel giorno di sabato 5 settembre 2009. La regata ha avuto luogo alle ore 12 circa, allietata da un fresco vento di maestrale di 20 nodi. Nel pomeriggio, presso la sede del Circolo, si è proceduto alla premiazione dei partecpanto nelle varie categorie di imbarcazioni. Nella serata, con inizio alle ore 18, si è tenuto nella sede del Circolo un convegno sull'argomento "Tradizioni marinare del Cilento". A questo ha fatto seguito una cena a buffet offerta dal Circolo Portosalvo.

Leggi tutto...

IV edizione della regata di vela latina "Tre Torri"

6 settembre 2008
Regata Tre Torri 2008 La IV edizione della regata di vela latina "Tre Torri" si è svolta su percorso a bastone nel tratto di mare antistante il porto di Marina di Pisciotta nel giorno di sabato 6 settembre 2008.

Galleria fotografica...